CAPITOLO II - Della costruzione dei modi

HOME

TEORIA

Indice

Preludio

Capitolo I
Capitolo II
Capitolo III
Capitolo IV
Capitolo V
Capitolo VI
Capitolo VII

Postludio

Terminologia


RITMICA

Introduzione

1. Clave
2. Origini
3. Ritmica

Conclusioni
CAPITOLO II - Della costruzione dei modi
  1. Della scala maggiore e della spirale delle quinte
  2. Della sintesi armonica di Sottodominante - Tonica – Dominante e dei sette modi (di tradizione Greco – Romana)
  3. Dell’esistenza di altri Modi

1. Della scala maggiore e della spirale delle quinte

Seguendo la logica degli armonici è semplice immaginare che all'ottava possiamo aggiungere l'intervallo di quinta giusta che è il secondo nell'ordine degli armonici e viene subito dopo l'ottava. La quinta giusta è anche un intervallo predominante nell'accordatura degli strumenti, nelle costruzioni melodiche, nell'imitazione e nella musica folcloristica primitiva e arriva fino alla costruzione dell' accordo maggiore che è l'accordo più abusato (nel senso di eccessivamente usato) nella musica europea.

Aggiungendo all'ottava (DO - DO2) una quinta giusta da sopra e una da sotto, ci troveremo davanti due coppie di suoni: FA DO - DO2 SOL2 che, all'interno dell'ottava, sono così disposti: DO - FA / SOL - DO2.
Ci troviamo davanti a tre suoni (ignorando la ripetizione del DO) molto importanti sopra i quali possiamo costruire le funzioni di:
  • TONICA
  • SOTTODOMINANTE e
  • DOMINANTE
Ora, possiamo partire dalla nota SOL e aggiungere l' intervallo di quinta giusta ascendente arrivando al RE e da questo RE sembrerebbe facile aggiungere il LA che dista una quinta giusta sopra il precedente RE. A questo punto il nostro gruppo di suoni posto all' interno dell' ottava assume quella fisionomia che i musicisti chiamano "modo pentatonico".

DO - RE - FA - SOL - LA

Sovrapponendo poi al LA due quinte giuste, otterremo la "scala maggiore".

DO - RE - MI - FA - SOL - LA - SI - (DO2)

Procedendo poi disponendo le quinte giuste una sopra l' altra, si arriva ad un sistema spirale infinito delle quinte e, di conseguenza, alla scala cromatica.

Nel sistema a dodici suoni risiede i sistema pentatonico, quello eptatonico ( quindi anche i modi di tradizione (Greco - Romana), la scala tonale, le scale ottotonali fino al sistema cromatico che contiene il tutto.


2. Della sintesi armonica di Sottodominante - Tonica – Dominante e dei sette modi (di tradizione Greco – Romana)

Osservando invece gli armonici dalla fondamentale 1° al 5° armonico, notiamo la corrispondenza con l'accordo maggiore ossia: la fondamentale, l'ottava, la quinta giusta, la quarta giusta, la terza maggiore.


Come già detto, la frequenza doppia della fondamentale è lo stesso suono di un' ottava più in alto. Il terzo armonico, invece, si presenta come il primo suono nuovo che ha la maggiore potenza sonora dopo la fondamentale e l' ottava.
Proviamo ad immaginare il terzo armonico come una nota reale: anch' essa avrebbe la sua serie di armonici strutturalmente identica a quella di una fondamentale ossia:

SOL - SOL2 - RE3 - SOL4 - SI5 ........

Da questi armonici si ricava l' accordo maggiore posto sulla Dominante.

Osservando attentamente lo schema degli armonici scopriamo che il DO, oltre ad essere la fondamentale con i suoi relativi armonici, è, esso stesso, il terzo armonico della fondamentale FA posta una dodicesima sotto.

FA - FA2 - DO3 - FA4 - LA5 ........

Da questi armonici si ricava l' accordo maggiore posto sulla Sottodominante.

Alla luce di queste considerazioni, possiamo elaborare la seguente configurazione:



Raggruppando gli armonici senza considerare quelli che si ripetono ( in altezze diverse ), otteniamo sette suoni non ancora ordinati in una sequenza di scala. La loro sistemazione all' interno dell' ottava, però determina la scala tradizionale maggiore. Questa scala corrisponde all' antico Modo Ionico.
Il sesto rivolto del Modo Ionico ci dà il Modo Eolico che rappresenta la tradizionale scala minore naturale.

Gli altri rivolti producono i seguenti modi:

Quarto rivolto >>> Modo Lidio che corrisponde ad una scala maggiore con il quarto grado innalzato di un semitono

Quinto rivolto >>> Modo Misolidio che corrisponde ad una scala maggiore con il settimo grado (sensibile) abbassato di un semitono

Secondo rivolto >>> Modo Dorico che corrisponde ad una scala minore naturale con il sesto grado innalzato di un semitono

Terzo rivolto >>> Modo Frigio che corrisponde ad una scala minore naturale con il secondo grado abbassato di un semitono

Settimo rivolto >>> Modo Locrio che corrisponde ad una scala minore con il secondo grado abbassato di un semitono e con la quinta diminuita.




A ciascuno di questi sette modi appartiene una serie di accordi tra i quali esistono evidenti relazioni armoniche.

Questi sette modi possono essere ordinati secondo un criterio di espressività iniziando da quello con sonorità più scura per arrivare a quello con sonorità più algida. Il modo Dorico, che sta nel mezzo di questo ordine, costituisce il punto di simmetria fra gli intervalli ed è il riferimento di equilibrio nello spettro espressivo.


Tabella dell'espressività




3. Dell'esistenza di altri Modi

Oltre ai sette modi appartenenti alla tradizione Greco - Romana, esistono altre forme modali tipiche di culture differenti dalla nostra. Nella musica Araba, Indiana, o del lontano Oriente, ad esempio, troviamo modi che,pur svolgendo un ruolo simile a quello dei nostri modi tradizionali, presentano sostanziali differenze nella loro struttura.
Di conseguenza, lo sviluppo della produzione musicale di questi popoli non è basato sulla tonalità o, per lo meno, il loro concetto di tonalità è ben diverso dal nostro per il fatto che, nell' elaborazione di questi modi, spesso si incontrano note non perfettamente intonate secondo il sistema abituale. Ciò succede perché molti di questi modi sono costruiti usando il sistema divisivo che utilizza anche intervalli del tutto estranei al sistema cromatico a dodici suoni. Tali intervalli esistono tuttavia nella successione degli armonici, e corrispondono a misure più piccole di un semitono quali il comma sintonico, il comma diatonico o i quarti di tono.

Qua sotto si trovano delle tabelle che indicano scale di diverse culture senza le reali differenze di altezza che ogni nota comporta rispetto alla scala cromatica.

Modi pentatonici

Scala Cromatica C C# D D# E F F# G G# A A# B C2
Balinese 1 1 2   3       4     5   \
Chinese 1       2   3 4       5 \
Chinese (Ritsu) 1   2     3   4   5     \
Chinese (Ryo) o Pentatone Maggiore 1   2   3     4   5     \
Chinese (yo ) o pentatone Egiziano 1   2     3   4     5   \
Giapponese (Iwato) 1 2       3 4       5   \
Giapponese (Hirajoshi) 1   2 3       4 5       \
Giapponese (Kumoi) 1 2       3   4 5       \
Pelog (Bali) 1 2   3       4     5   \
Pentatone Minore 1     2   3   4     5   \


Altri modi eptatonici1

Scala Cromatica C C# D D# E F F# G G# A A# B C2
Bisanzio (Doppio Armonico) 1 2     3 4   5 6     7 \
Enigmatic 1 2     3   4   5   6 7 \
Ethiopian 1 1   2   3 4   5 6     7 \
Hindu 1   2   3 4   5 6   7   \
Hungarian (Ungherese Gitano) 1   2 3     4 5 6   7   \
Hungarian (Ungherese Maggiore) 1     2 3   4 5   6 7   \
Hungarian (Ungherese Minore) 1   2 3     4 5 6     7 \
Javanese 1 2   3   4   5   6 7   \
Lidio Eccedente 1   2   3   4   5 6 7   \
Lidio Dominante (Overtone) 1   2   3   4 5   6 7   \
Maggiore Frigio 1 2     3 4   5 6   7   \
Marva (India) 1 2     3   4 5   6   7 \
Minore Armonico 1   2 3   4   5 6     7 \
Minore Melodico 1   2 3   4   5   6   7 \
Misolidio (Quinta Eccedente) 1   2   3 4     5 6 7   \
Napolitano Maggiore 1 2   3   4   5   6   7 \
Napolitano Minore 1 2   3   4   5 6     7 \
Orientale 1 2     3 4 5     6 7   \
Scala Blues 1     3 3 4   5   6 7   \
Persiano 1 2     3 4 5   6     7 \
Rumeno Minore 1   2 3     4 5   6 7   \
Todi (India) 1 2   3     4 5 6     7 \


Modi della tradizione musicale Spagnola.


E per finire, possiamo elencare le Scale Simmetriche, appartenenti al sistema partitivo, composte da sei e da otto suoni. Queste scale stanno alla base di molte armonie sonore usate dagli Impressionisti del secolo scorso.

Cromatica C C# D D# E F F# G G# A A# B C2
Eccedente 1     2 3     4 5     6 \
Eccedente 2 1 2     3 4     5 6     \
Esatone di Debussy 1   2   3   4   5   6   \
Ottotone doppio armonico 1 2     3 4 5 6     7 8 \
Ottotone diminuito 1   2 3   4 5   6 7   8 \
Ottotone simmetrico 1 2   3 4   5 6   7 8   \



1 Osservando attentamente questa tabella si può rilevare che nella maggior parte di questi modi il 4° e il 5° grado, molto frequentemente, sono in rapporto di quinta giusta con la tonica.